Museo internazionale e
biblioteca della musica di Bologna

Eventi / Musique concrète

  • >
Congressi, seminari

Musique concrète

Musique concrète

dedicato a Pierre Schaeffer (1883/1965)

con Daniela Cattivelli (compositrice e performer)

Il secondo incontro con Daniela Cattivelli è dedicato a Pierre Schaeffer (Nancy, 14 agosto 1910 – Aix-en-Provence, 19 agosto 1995).
Compositore, musicologo e teorico musicale francese, è stato tra gli artisti più visionari del dopoguerra: ingegnere musicale all'interno degli studi della società radiotelevisiva francese (RTF), utilizzando il vasto archivio discografico della radio, avviò esperimenti sul suono ed il rumore, ma soprattutto cominciò a maturare dei nuovi metodi compositivi.
Fu autore, nel 1948, del primo brano di musica concreta Étude aux chemins de fer: un breve studio sul ritmo per giradischi che riproduce i suoni provenienti da un treno in movimento (fischi, suoni di vapore, e altri).
Durante questa fase, Schaeffer aveva lavorato quasi completamente da solo.
A partire dal 1949, iniziò una collaborazione con Pierre Henry che fruttò composizioni più lunghe, ambiziose (e, a detta di molti, più mature) quali la Symphonie pour un homme seul.
Nel 1951, in seguito all'introduzione di nuove apparecchiature, Schaeffer, Henry e il fisico Andrè Moles fondarono il Gruppo di ricerca di musica concreta (futuro Gruppo di ricerche musicali) che era finanziato dallo studio parigino RTF,e fu il primo studio costruito per comporre musica elettronica.
«Noi abbiamo chiamato la nostra musica concreta, poiché essa è costituita da elementi preesistenti, presi in prestito da un qualsiasi materiale sonoro, sia rumore o musica tradizionale. Questi elementi sono poi composti in modo sperimentale mediante una costruzione diretta che tende a realizzare una volontà di composizione senza l'aiuto, divenuto impossibile, di una notazione musicale tradizionale.»


Daniela Cattivelli
, musicista, compositrice e performer. Si forma attraverso esperienze musicali eterogenee: dalla musica industriale a quella colta contemporanea, da quella improvvisata alla musica di scena. Studia sassofono al Conservatorio di Adria, si diploma in composizione al Conservatorio di Firenze nel corso di Musica e Nuove Tecnologie, e consegue una laurea al Dams di Bologna con indirizzo musicale.
Tra il 1990 e il 2000 fonda assieme ad altri musicisti basati a Bologna una serie di nuove formazioni musicali: Laboratorio Musica & Immagine, Fastilio, Eva Kant, Antenata.
Il territorio d’indagine sulla ricerca sonora si è in seguito allargato verso esperienze artistiche interdisciplinari, l’adozione di una strumentazione elettroacustica e sempre più frequenti incursioni in ambiti performativi. Manipolatrice di dispositivi analogici e digitali ha avviato negli ultimi anni nuove formazioni con altri artisti e/o musicisti: Mylicon/en, CANE, Sigourney Weaver e il duo con la cantante berlinese Margareth Kammerer. Ciascuna di queste formazioni è un pretesto per rintracciare nuove procedure compositive del suono, a partire dalla grammatica, dalle architetture, dalle strutture organizzative e morfologiche proprie di altri linguaggi (scrittura, immagini, corpo, scena).
Ha composto svariata musica per il teatro e la danza per le più rappresentative compagnie italiana di ricerca: MK, Kinkaleri, Giorgio Barberio Corsetti, Teatro Valdoca, Laminarie, Le Supplici, Yoko Higashino-Baby-Q e altri ancora. Ha collaborato e suonato sotto la direzione di noti musicisti della scena sperimentale internazionale: Fred Frith, Zeena Parkins, Charles Hayward, Butch Morris, Jon Rose, John Oswald, Stevie Wishart, Salvatore Sciarrino.

dalle ore 16.30 Afternoon Tea Room a cura di Giardino delle Camelie con il celebra-Té: Kwai Flower (oolong della Cina con polline di fiori di alloro)

Quando

17 Ottobre 2015
ore 17.00

Informazioni

Museo internazionale e biblioteca della musica

tel. 051 2757711
fax 051 2757728
email

ingresso gratuito fino ad esaurimento posti
Rassegna

Nell'anno di ... i musicisti raccontano i musicisti 2015_2

Dove

Ingrandisci mappa

Museo | Museo internazionale e biblioteca della musica

Strada Maggiore, 34
40125 Bologna

Documenti