Museo Civico del Risorgimento

Museo Civico del Risorgimento
Piazza Carducci 5
40125 Bologna
tel. 051 347592 (reception e biglietteria)

Direzione e uffici
Via de' Musei 8
40124 Bologna
tel. e fax 051 225583
museorisorgimento
@comune.bologna.it

Biblioteca del Museo Civico del Risorgimento
Via de' Musei 8
40124 Bologna
tel. e fax 051 225583
museorisorgimento
@comune.bologna.it

Certosa
Via della Certosa 18
40133 Bologna
tel. e fax 051 225583
museorisorgimento
@comune.bologna.it

  • Home:banner

News / Venerdì 15 febbraio ore 17.30 | Palazzo Comunale - Sala d'Ercole - Piazza Maggiore 6 inaugurazione della mostra " La Certosa di Bologna con gli occhi di Dickens "

Mostra

La Certosa di Bologna con gli occhi di Dickens

Palazzo Comunale, Sala d'Ercole

dal 16 febbraio al 10 marzo 2013

inaugurazione venerdì 15 febbraio ore 17.30

con Eugenio Riccomini

domenica 10 marzo, ore 16

Asta di beneficenza delle opere in mostra a favore del restauro e valorizzazione della Certosa.

Battitore d'asta: Patrizio Roversi

La mostra, a cura dell'Associazione Amici della Certosa di Bologna in collaborazione con il Museo civico del Risorgimento del Comune di Bologna - Istituzione Bologna Musei e con Minerva Edizioni, nasce dalla proposta del Gruppo Arti Visive dell'Associazione di ricostruire - attraverso immagini fotografiche e dipinti - le suggestioni che la visita alla Certosa, avvenuta nel corso di una breve sosta a Bologna, può avere lasciato in Charles Dickens. In particolare si è cercato di immaginare come la passeggiata tra i chiostri del cimitero e gli incontri avuti sul luogo, in una domenica di novembre del 1844, possano avere inciso sui suoi lavori successivi.

Il rapporto tra uno scrittore così immaginifico come Dickens e i temi legati alla fine della vita e a quello che ci sarà dopo la morte, anche per chi rimane, è così fecondo che si ritrova in quasi tutte le sue opere. Basti pensare a “Canto di Natale”, per citare uno dei racconti più noti e amati in tutto il mondo, ma anche a “Grandi speranze”, che si apre proprio in un cimitero dove il piccolo Pip immagina le sembianze dei propri genitori dalla forma dei caratteri e dallo stile delle iscrizioni sulle loro lapidi, poiché, precisa Dickens, vissero «assai prima dell’era della fotografia».

Vai al programma