Museo Civico del Risorgimento

Museo Civico del Risorgimento
Piazza Carducci 5
40125 Bologna
tel. 051 347592 (reception e biglietteria)

Direzione e uffici
Via de' Musei 8
40124 Bologna
tel. e fax 051 225583
museorisorgimento
@comune.bologna.it

Biblioteca del Museo Civico del Risorgimento
Via de' Musei 8
40124 Bologna
tel. e fax 051 225583
museorisorgimento
@comune.bologna.it

Certosa
Via della Certosa 18
40133 Bologna
tel. e fax 051 225583
museorisorgimento
@comune.bologna.it

  • Home:banner

News / Nuovi restauri in Certosa. L'area monumentale del cimitero cittadino inizia a ritrovare il suo antico splendore

Otto grandi cantieri di restauro sono stati aperti e conclusi dall'estate 2013 ad oggi all'interno dell'area monumentale della Certosa, facendo degli ultimi 12 mesi l'anno in cui è stato realizzato il maggior numero di interventi all'interno del cimitero cittadino, da quando nel 1999 il Comune di Bologna ne ha avviato un ampio e continuativo programma di restauro e valorizzazione.

 

I lavori si sono svolti sotto la curatela dell'Istituzione Bologna Musei | Museo civico del Risorgimento, del Settore Lavori Pubblici del Comune di Bologna e dell'attuale gestore del cimitero, Bologna Servizi Cimiteriali, e con la vigilanza delle competenti Soprintendenze. In particolare, sono stati eseguiti il restauro dell'ingresso monumentale, detto dei 'Piangoloni', con le tre colossali statue in terracotta, e dei due "Leoni" dell'emiciclo sud del Chiostro Maggiore; ed il recupero dei monumenti funerari ottocenteschi a Maria Barbieri, Pellegrino Tomasoli ed Olimpia Spada. È stata inoltre effettuata la manutenzione straordinaria della pavimentazione, sempre ottocentesca, del quadriportico del Chiostro III, lato nord; del Monumento ai martiri del fascismo nel Chiostro VI; e dell'esterno del Monumento ossario ai Caduti delle Grande Guerra, sempre nel Chiostro VI, con la contestuale sostituzione di dieci lastre deteriorate.

 

 

 

 

I cantieri sono stati realizzati in parte grazie ai proventi ottenuti dalla riconcessione a nuove famiglie delle tombe antiche abbandonate o decadute ed in parte con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna.

Grazie ai restauri, le tombe Spada e Barbieri sono ora disponibili per nuove famiglie; mentre il sepolcro Tomasoli è stato trasformato in ossario/cinerario comune, il che consentirà a chi ne faccia richiesta di collocare i propri cari nella prestigiosa area monumentale del cimitero, ma con un investimento relativamente moderato.

Il Museo civico del Risorgimento ha in programma nuovi cantieri di restauro che si affiancheranno al recupero, attualmente in corso, del porticato del Chiostro Maggiore, a cura del Settore Lavori Pubblici del Comune di Bologna e di Bologna Servizi Cimiteriali. Il portico aveva infatti subito gravi danni dal terremoto del maggio 2012 e l'intervento prevede il rifacimento del coperto, con consolidamento delle cupole sottostanti. Tale cantiere renderà fruibile una zona particolarmente importante del cimitero, in cui si possono ammirare anche i monumenti - già restaurati - dedicati all'esploratore Pellegrino Matteucci (1850-1918) e al cantante lirico Carlo Broschi detto “Il Farinelli” (1705-1782).