Museo internazionale e
biblioteca della musica di Bologna

Eventi / Ultimamusica | Storia di un’histoire

Musica

Ultimamusica | Storia di un’histoire

ultimamusica #4
musiche “inaudite” di questo (e altri) secoli

Storia di un’histoire
a 50 anni dalla morte di Igor Stravinskij (1882/1971)

narrazione musicale di AltreVoci Ensemble
Martina Di Falco clarinetto
Stefano Raccagni violino
Marco Pedrazzi pianoforte

Giacomo Tamburini voce recitante
Bernardo lo Sterzo regia del suono

Nel 1918 Igor Stravinskij, il direttore Ansermet e lo scrittore Ramuz, decidono di intraprendere una folle iniziativa: creare un’opera ambulante che girasse per le cittadine della Francia con una carrozza, un palco semovibile, qualche strumentista, due ballerini ed un attore. Nasce così Histoire du Soldat, la cui esecuzione intercalerà il racconto sia della storia dell’operetta che quello della sua improbabile realizzazione.

AltreVoci Ensemble è un’associazione che si occupa della diffusione della musica, specialmente del repertorio del Novecento e contemporaneo. Ha all’attivo circa 7 anni di attività e concerti: Museo del Novecento di Milano per la Società del Quartetto, Teatro Ariosto di Reggio Emilia, Festival della Filosofia e Teatro San Carlo a Modena, Conservatorio di Castelfranco Veneto, Conservatorio E. Said e Yabous Cultural Centre di Gerusalemme e Mugham Centre di Baku (Azerbaijan).
Nel 2018 ha realizzato Still Requies di Mauro Montalbetti, in commemorazione del primo conflitto mondiale: rappresentazioni al Teatro dell’Arte – Triennale di Milano, al Duomo di Pordenone per il XXVII Festival di Musica Sacra e al Teatro Grande di Brescia.
Del marzo 2019 è un concerto per flauto solista ed ensemble diretto da Carlo Boccadoro nella sala del Ridotto del Teatro Comunale L. Pavarotti di Modena, con la prima esecuzione assoluta di Ljust di Mauro Montalbetti, dedicato al gruppo con il sostegno del Visby International Center for Composers e The Swedish Arts Grants Commitee. Il gruppo è risultato vincitore del bando SIAE Classici di Oggi, 2018-19, e nell’Ottobre 2019 suona in prima esecuzione assoluta “Clessidra” di Giorgio Colombo Taccani.
Nello stesso anno, l’Ensemble è stato invitato da Paolo Aralla e Francesco Filidei a partecipare ai Dialoghi sul comporre, presso I Teatri di Reggio Emilia. Nel 2020 il gruppo è in residence presso Nomus. Si è esibito nel giugno 2021 al Ravenna Festival nella prima esecuzione di “Teodora, scalata al cielo in cinque movimenti” di Mauro Montalbetti.

Il collettivo In.Nova Fert nasce nell'ottobre 2018 all'interno del Conservatorio G.B. Martini di Bologna come formazione studentesca autogestita e dedita allo studio e alla esecuzione dei nuovi linguaggi musicali. La formazione cambia a seconda delle esigenze di volta in volta presentate dalla sperimentazione e dai progetti e riunisce giovani, spesso giovanissimi, interpreti.
Nonostante la recente formazione, l’ensemble ha al suo attivo diverse partecipazioni: Bologna Modern 2018 e 2019, Teatro dell’Abc di Bologna (in collaborazione con FontanaMIX), Festival Echi di Arezzo, Amici della Musica di Modena (dove sono attesi anche per il 2021). Hanno inoltre collaborato con il Teatro Comunale e il Conservatorio G.B Martini di Bologna e il Centro di poesia contemporanea dell'Università di Bologna.
Sono stati ospiti della 64a edizione della Biennale Musica di Venezia.

___________________________

ultimamusica
musiche “inaudite” di questo (e altri) secoli

Il “secolo breve” a ben vedere non lo è stato poi così tanto, se al suo interno è riuscito a contenere espressioni artistiche lontane, diversissime tra loro e a volte addirittura contraddittorie, in ogni caso segnanti.
E a distanza di vent’anni, il Novecento in musica si porge così ai nostri occhi, ma soprattutto alle nostre orecchie: un’epoca fremente, impetuosa, a tratti problematica e avvolta in una mitologia tutta da conoscere.
Sei appuntamenti dedicati ai linguaggi, ai protagonisti, alle idee, alle curiosità e agli strumenti che contraddistinguono la “contemporanea“ di oggi e del secolo appena passato.

Quando

19 Novembre 2021
ore 17.30

Informazioni

Museo internazionale e biblioteca della musica

tel 051 2757711
fax 051 2757728
email

BIGLIETTI:
€ 6
€ 5

minori di 18 anni | studenti universitari con tesserino | Card Cultura

ACQUISTA IL TUO BIGLIETTO IN PREVENDITA:
- presso il bookshop del Museo della musica (strada Maggiore 34) nei giorni di apertura
- on line (con una maggiorazione di € 1) su midaticket.it

I biglietti acquistati non sono rimborsabili: in caso di eventuale annullamento degli eventi causa emergenza COVID-19, l’Istituzione Bologna Musei emetterà un voucher pari al costo del biglietto.
Per gli aventi diritto, sarà possibile utilizzare parzialmente o totalmente i voucher degli eventi annullati selezionando l’apposita voce presente sulla cassa on line.

NB: in applicazione del DL n. 105 del 23/07/2021, per accedere ai musei, agli eventi e alle mostre temporanee è obbligatorio esibire alla cassa il green pass.

Rassegna

#novecento 2021 - i musicisti raccontano i musicisti

Dove

Ingrandisci mappa

Museo | Museo internazionale e biblioteca della musica

Strada Maggiore, 34
40125 Bologna

Documenti