Museo internazionale e
biblioteca della musica di Bologna

Eventi / Il segreto del suono: l’arte cordaia tra il XVI e il XIX secolo. Com’è fatta la corda in budello

  • <
  • >
Conferenze/Convegni

Il segreto del suono: l’arte cordaia tra il XVI e il XIX secolo. Com’è fatta la corda in budello

Com'è fatto? la musica vista da dentro

Il segreto del suono: l’arte cordaia tra il XVI e il XIX secolo. Com’è fatta la corda in budello
con Mimmo Peruffo (Aquila Corde Armoniche, Vicenza)

Strumenti.
Anche senza specificare musicali, per tutti la loro funzione è scontata: produrre suoni organizzati rispondenti alle specifiche esigenze di ogni cultura del
pianeta, di oggi o del passato. Ma sappiamo davvero qual è la loro storia, il perché dei materiali usati e delle forme modellate da secoli di tecniche, stili, sapienza
(e segreti) artigianali?
La cosa migliore è chiederlo ai costruttori di oggi nelle lezioni musicali di Com’è fatto?, l’affascinante viaggio (letteralmente) dentro la musica.

Mimmo Peruffo unico allievo del cordaio Arturo Granata si occupa dal 1983 dello studio e della costruzione delle corde di budello in uso nel Rinascimento, Barocco e periodo Classico. Nell’ambito della ricerca nel campo dei materiali moderni nel 1997 ha scoperto ed introdotto nel mercato il "Nylgut" una sorta di budello sintetico impiegato negli strumenti a pizzico storici e nella chitarra classica, ukulele etc. in sostituzione del nylon.
Ha curato la sezione riguardante le corde di budello del catalogo degli strumenti musicali del Germanisches National Museum di Norimberga e del volume della mostra di Bergamo del 1998 Evaristo Baschenis e la natura morta in Europa. Ha eseguito per la prima volta accurati rilievi degli spezzoni di corde di budello risalenti alla prima metà del XVIII secolo presenti al Museo Stradivariano di Cremona e nell’Aprile del 2000 le misurazioni delle corde originali di budello per violino appartenute a Nicolò Paganini. Quando ha tempo (!) riesce a suonare il suo liuto, la chitarra e l’ukulele. https://aquilacorde.com/

Quando

23 Marzo 2019
ore 17

Informazioni

Museo internazionale e biblioteca della musica

tel 051 2757711
fax 051 2757728
email

€ 5
gratuito | studenti universitari e under 18

Prenotazioni on line
fino alle ore 12 del giorno dell'evento (salvo esaurimento anticipato dei posti disponibili) è possibile prenotare i biglietti (con pagamento il giorno dell'evento) da questo link [http://bit.ly/2MVa63l]

I biglietti prenotati devono essere ritirati entro 15 minuti dall’inizio dell’evento presso la biglietteria, oltre i quali la prenotazione non sarà più ritenuta valida e i biglietti saranno rimessi in vendita.

In caso di disdetta si prega di annullare tempestivamente la prenotazione inviando una mail a prenotazionimuseomusica@comune.bologna.it o telefonando al n. 051 2757711 (dal martedì alla domenica ore 10>18).

Rassegna

#wunderkammer il museo delle meraviglie - 2019

Dove

Ingrandisci mappa

Museo | Museo internazionale e biblioteca della musica

Strada Maggiore, 34
40125 Bologna