Museo internazionale e
biblioteca della musica di Bologna

Eventi / JazzInsight - Ray Charles: Black American Music

  • >
Musica

JazzInsight - Ray Charles: Black American Music

Ray Charles Robinson (Albany, 23 settembre 1930 – Beverly Hills, 10 giugno 2004), cantante e pianista statunitense, è considerato uno dei pionieri della musica soul. Persa completamente la vista all'età di otto anni, frequentò una scuola per sordi e ciechi in Florida, dal 1937 al 1945, dove conobbe appieno la musica ed imparò a comporre, a suonare strumenti musicali e a sviluppare il suo dono musicale. A 16 anni si trasferì a Seattle, dove incontrò Quincy Jones, che sarà sempre a suo fianco come amico e collaboratore. A inizio carriera fu influenzato - e questo lo si può evincere dalle prime registrazioni - dallo stile vocale di colleghi a quel tempo assai celebri, come Nat King Cole e Charles Brown.

Le prime tournée le compì con Lowell Fulson ed ebbe modo di lavorare anche con Guitar Slim e Ruth Brown. Charles affinò progressivamente uno stile personale che lo portò a miscelare una combinazione di vari generi musicali, fra cui il gospel e il jazz.

Stipulato un contratto con la Atlantic Records, il suo nome da artista venne abbreviato in Ray Charles, per evitare possibili confusioni con il pugile Sugar Ray Robinson. La hit che lo portò al successo nazionale fu I Got a Woman, scritta con il suo collega Renald Richard. Il singolo scalò le classifiche R&B di Billboard e, dal 1955 al 1959, fu seguito da altri successi come This Little Girl of Mine, Lonely Avenue, Drown in My Own Tears e The Night Time (Is the Right Time). Nel 1959, dopo essere stato a lungo conosciuto negli ambienti R&B, con What'd I Say riuscì finalmente ad ottenere popolarità nell'ambiente della musica pop, contribuendo anche all'affermazione del genere soul. L'ultimo disco di Ray Charles con la Atlantic fu The Genius of Ray Charles. Successivamente il musicista firmò per la ABC Records, sempre nel 1959.

Canzoni come Georgia on My Mind, Hit the Road Jack e Unchain My Heart, incrementarono ulteriormente il suo successo. Scritta nel 1930 da Stuart Gorrell (testo) e Hoagy Carmichael (musica), Georgia on My Mind divenne universalmente popolare proprio grazie a Ray Charles, che la registrò nel 1960 e la incluse nell'album The Genius Hits the Road. Il 7 marzo 1979, come simbolo di riconciliazione dopo i conflitti per l'ottenimento dei diritti civili, Ray Charles la cantò davanti all'Assemblea generale della Georgia, e il 24 aprile venne adottata come canzone ufficiale dello stato.

 

con Emiliano Pintori (pianoforte)

dalle ore 16.30 Afternoon Tea Room a cura di Giardino delle Camelie
celebra-Té: Perle al Gelsomino (foglie di tè verde profumato al gelsomino foggiate a forma di perle)

con Emiliano Pintori (pianoforte)

in collaborazione con Bologna Jazz festival 2014

dalle ore 16.30 Afternoon Tea Room a cura di Giardino delle Camelie con il celebra-Té: Perle al Gelsomino (foglie di tè verde profumato al gelsomino foggiate a forma di perle)

 

Quando

22 Novembre 2014
ore 17.15

Informazioni

Museo internazionale e biblioteca della musica

tel 051 2757711
fax 051 2757728
email

€ 4.00
Rassegna

Nell'anno di ... i musicisti raccontano i musicisti 2014

Dove

Ingrandisci mappa

Museo | Museo internazionale e biblioteca della musica

Strada Maggiore, 34
40125 Bologna