Istituzione Bologna Musei

News / La città e i suoi musei, nuove forme di comunicazione

L'Istituzione Bologna Musei amplia la propria offerta comunicativa introducendo tre nuovi strumenti per valorizzare il racconto del patrimonio permanente e delle attività promosse.

Una pubblicazione cartacea articolata in 14 schede dedicate ai singoli musei in doppia edizione italiana e inglese, l'apertura di un profilo Instagram e la realizzazione di due video promozionali dedicati al Cimitero Monumentale della Certosa e al Museo del Patrimonio Industriale sono gli interventi compresi nel progetto La città e i suoi musei, nuove forme di comunicazione realizzato con il contributo dell'Istituto per i Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna.

Il finanziamento è stato assegnato nell'ambito del Piano Museale 2018 previsto dal Programma regionale degli interventi in materia di biblioteche, archivi storici, musei e beni culturali (Legge Regionale 24 marzo 2000, n. 18).

La pubblicazione cartacea

Per la prima volta l’Istituzione Bologna Musei assume il ruolo di editore promuovendo la stampa di una pubblicazione comprensiva delle 14 strutture museali che vi afferiscono attraverso 6 Aree tematiche: Archeologia, Arte Antica, Arte Moderna e Contemporanea, Musica, Patrimonio Industriale e Cultura Tecnica, Storia e Memoria.
Ogni museo viene raccontato nella propria peculiare vocazione, nei valori e nella relazione con la città, della cui storia custodisce una parte unica e insostituibile di memoria, a partire da cenni sulle origini della fondazione e delle raccolte per proseguire con la segnalazione delle opere più rilevanti, presentate attraverso schede dedicate. I testi sono corredati da immagini fotografiche a colori che illustrano vedute di allestimento delle collezioni permanenti e i pezzi iconici raccontati.

La veste grafica, dal book design agile e accurato, è stata ideata e sviluppata dallo studio Dina & Solomon. Disponibile in doppia versione italiana e inglese, la pubblicazione sarà in vendita nei bookshop dei musei civici al prezzo di € 12.00 a partire dal giorno di Open Day dell’Istituzione Bologna in programma per sabato 5 ottobre 2019.

Profilo Instagram

Per la loro capacità pervasiva, i nuovi media digitali sono ambienti di importanza strategica per il posizionamento delle organizzazioni culturali nei processi di costruzione e incremento delle interazioni con le community. L'Istituzione Bologna Musei rafforza la propria presenza sul web attraverso il profilo Instagram @bolognamusei, che va ad aggiungersi e integrarsi con i profili già attivi sui social media dei singoli musei.
Anche grazie al suo stile di comunicazione più informale, la scelta di questa piattaforma, che negli ultimi due anni ha visto un consistente aumento di utenti a livello mondiale, è motivata dall'obiettivo di entrare in relazione con un'audience di età media inferiore rispetto ai followers delle altre piattaforme social, rappresentata dalla fascia giovanile compresa tra i 18 e i 34 anni che risulta tra le più difficili da intercettare e coinvolgere nei musei. Essendo inoltre concepito su base visiva, Instagram si presta forse più di ogni altro social media al visual storytelling dei musei per la possibilità di lavorare con immagini di alto livello qualitativo.
Per ottimizzare questo aspetto, l’apertura del profilo è stata preceduta da una campagna fotografica commissionata ad hoc a Roberto Serra, che ha consentito di acquisire un patrimonio iconografico adeguato allo sviluppo delle potenzialità connesse all’utilizzo del mezzo.

Il piano editoriale prevede, con periodicità quotidiana, la creazione di contenuti originali (post e stories) che seguono la programmazione delle varie aree dell’Istituzione ed è condiviso da un gruppo di lavoro composto da figure professionali che operano in ogni Area dell’Istituzione, appositamente formate attraverso un workshop dell’agenzia Garage Raw per l’acquisizione di competenze specifiche sulle funzionalità e digital marketing di Instagram.

I video promozionali sul Museo del Patrimonio Industriale e sul Cimitero Monumentale della Certosa

Dopo la realizzazione nel 2018 di un video promozionale sulle Collezioni Comunali d'Arte, l’Istituzione Bologna Musei prosegue nell’impegno a raccontare il patrimonio storico-artistico permanente attraverso la commissione di nuovi contenuti video che raccontano in modo coinvolgente due luoghi: il Museo del Patrimonio Industriale e il Cimitero Monumentale della Certosa.

Raccontare il Museo del Patrimonio Industriale vuol dire ripercorrere secoli di storia in cui l’ingegno dei bolognesi è stato protagonista nella costante ricerca di innovazioni tecnologiche. A partire dalla produzione serica e l’alta tecnologia messa a punto tramite i mulini da seta e il sistema idraulico tra XII e XVIII secolo, per arrivare alla fondazione dell’Istituto Aldini Valeriani (1844), nato con l’obiettivo di formare maestranze qualificate che successivamente avrebbero creato il distretto industriale bolognese, fino alle più avanzate tecnologie che vedono oggi Bologna protagonista nel campo dell’automazione a livello mondiale. Raccontare questa storia attraverso le immagini vuol dire creare una connessione diretta tra la collezione del museo e l’impatto che le innovazioni tecnologiche documentate hanno sulla nostra vita quotidiana, per riflettere su un presente in costante evoluzione che, anche grazie al passato, getta le basi per il futuro. Il video è attualmente in fase di montaggio.

Testimonianza stratificata delle più elevate vicende artistiche, storiche e intellettuali e dei personaggi che hanno segnato la storia della Bologna a partire dal XVII secolo, il complesso della Certosa può offrire innumerevoli spunti di narrazione per la conoscenza dei suoi tesori. Il video in girato dal titolo Certosa di Bologna – Una porta sull'infinito, prodotto con il sostegno di Bologna Servizi Cimiteriali, muove dall’idea di questo vero e proprio museo a cielo aperto come organismo vivente. Una voce narrante che invita a riflettere sulla vita e sulla morte; visitatori in abiti ottocenteschi che passeggiano fra sale e loggiati; suoni che "animano" i monumenti, evocando la biografia e le vicende trascorse di chi vi è sepolto. Nei fotogrammi che scorrono la Certosa si racconta con la delicatezza di chi non ha bisogno di presentazioni, dove la memoria collettiva si compone un pezzo alla volta, attraverso modi differenti di vivere la morte. Il video è visibile sul canale Youtube di Storia e Memoria di Bologna, curato dal Museo civico del Risorgimento, al seguente link: https://youtu.be/SB4dW8oNuUs.

La produzione di entrambi i video è stata realizzata da Wildlab Multimedia.