Musei Civici d'Arte Antica

Museo Civico Medievale
Via Manzoni, 4
40121 Bologna
tel. 051 2193930 - 2193916
fax 051 232312
email

Museo Civico d'Arte Industriale e Galleria Davia Bargellini
Strada Maggiore, 44
40125 Bologna
tel. 051 236708
email

Collezioni Comunali d'Arte
Piazza Maggiore, 6
40121 Bologna
tel. 051 2193998
email

Museo del Tessuto e della Tappezzeria "Vittorio Zironi"
Via di Casaglia, 3
40135 Bologna
tel. 051 2194528 - 2193916
fax 051 232312
email

Percorsi collezionistici / Ricerca / Percorsi ritratti delle Collezioni Comunali d'Arte

Ritratto di Gonfaloniere, 1622

Artemisia Gentileschi (Roma, 1593 - Napoli, 1652/1653)
Ritratto di Gonfaloniere, 1622
olio su tela; inv. P 4
cm. 208, 4 x 128,4
acquisizione: eredità Agostino Sieri Pepoli, 1910
sala 1 (Sala degli Svizzeri)

Informazioni aggiuntive

Grazie all’attendibile scritta un tempo leggibile sul bordo esterno della tela “ARTEMISIA.GENTILESCA .FACIEBAT. ROMAE.1622”, quest’opera è uno dei pochi dipinti datati della pittrice, ed un fondamentale documento della sua attività ritrattistica, elogiata dai contemporanei ma non altrimenti testimoniata da opere certe. Sconosciuta è invece l’identità dell’effigiato, contrassegnato come cavaliere dell’ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro dalla croce trifogliata sul petto, e come gonfaloniere pontificio dallo stendardo sullo sfondo. L’impostazione del dipinto corrisponde alla collaudata tipologia del ritratto aulico a figura intera introdotta da Tiziano, tesa a commemorare il ruolo sociale e politico della persona raffigurata attraverso gli attributi di rango. A dispetto di questo schema tradizionale, la vivacità e la penetrazione psicologica del ritratto, il taglio audace della luce di chiara impronta caravaggesca, il virtuosismo nella resa dei differenti materiali, fanno di questo dipinto un capolavoro di straordinaria modernità, fra i massimi esempi della ritrattistica italiana nel Seicento.


 

Datazione: 1622
Dimensione: cm. 208, 4 x 128,4
Numero di inventario: inv. P 4

Torna all'introduzione

Immagini

Museo | Collezioni Comunali d'Arte