Musei Civici d'Arte Antica

Museo Civico Medievale
Via Manzoni, 4
40121 Bologna
tel. 051 2193930 - 2193916
fax 051 232312
email

Museo Civico d'Arte Industriale e Galleria Davia Bargellini
Strada Maggiore, 44
40125 Bologna
tel. 051 236708
email

Collezioni Comunali d'Arte
Piazza Maggiore, 6
40121 Bologna
tel. 051 2193998
email

Museo del Tessuto e della Tappezzeria "Vittorio Zironi"
Via di Casaglia, 3
40135 Bologna
tel. 051 2194528 - 2193916
fax 051 232312
email

Eventi e mostre / Artisti bolognesi del Presepe contemporaneo. Un omaggio a Francamaria Fiorini

  • >
Mostre

Artisti bolognesi del Presepe contemporaneo. Un omaggio a Francamaria Fiorini

Da ben più di dieci anni, i Musei Civici d’Arte Antica organizzano al Museo Davia Bargellini una mostra dedicata al presepio, con la collaborazione del Centro Studi per la Cultura Popolare.

Quest'anno le statue esposte sono state realizzate da artisti contemporanei e si caratterizzano come versioni attualizzate delle figure del presepio, calate nella realtà petroniana. Le figure in mostra riprendono, rinnovandole, iconografie storiche della tradizione: dalla Meraviglia all’Adorazione, dal Dormiglione alla Tradizione.

La ricca collezione di statue antiche del presepe conservata al museo, permette numerosi e interessanti confronti con le opere in mostra. Il dialogo tra passato e presente è garantito dalla creatività degli artisti contemporanei e mira ad attualizzare il racconto evangelico nella vita odierna.

L'esposizione vuole rendere un commosso omaggio alla scultrice Francamaria Fiorini improvvisamente scomparsa nel 2020, una delle più sensibili artiste nel ravvivo di temi e figure degli antichi presepi bolognesi foggiati in terracotta, rappresentati in mostra da due scarabattoli e da una Natività. Nelle rielaborazioni dell'abile plasticatrice, l’uso della scarabattola, struttura in cui si raccolgono alcuni dei protagonisti essenziali del presepe, costituisce una ripresa dell'antica tradizione che viene ripensata con efficacia sintetica moderna e nell'ottica del dialogo interconfessionale e interreligioso.

Leonardo Bozzetti con i suoi due offerenti – un pifferaio e una giovinetta che offre una mela – documenta la tradizione artigianale del “figurinaio” bolognese. Membro di una famiglia di maestri che per generazioni ha tramandoto quest'arte, ha realizzato migliaia di figurine in terracotta, inventando personaggi, espressioni e scenari.

Con il Brentadore di Luigi Enzo Mattei entra nel presepio l’esponente dell’antica Compagnia bolognese dei Brentadori, fin dal Medioevo trasportatori del vino con la “brenta”, un bigoncio ligneo per la movimentazione dei liquidi della capacità di 75 litri che si portava a spalla.

Il Magio di Mirta Carroli è invece una figura sapienziale e la perla che reca in omaggio riecheggia quella della tradizione evangelica. L'artista è presente in mostra anche con il poetico Risveglio.

Marco Dugo introduce nel presepio bolognese Padre Marella con il suo celebre cappello presentato con umiltà e amore, vera e propria “coscienza” dei bolognesi. Il maestro si cimenta poi nella realizzazione di altre statue tradizionali: per esempio quella del Dormiglione che viene attualizzata da un uomo ai margini della società la cui unica compagnia sono alcuni cani.

Un tema invero condiviso in modalità molto simile da Elisabetta Bertozzi: così rappresentato, il Dormiglione, più che non partecipare alla Natività, sembra allontanarsi volutamente da una società in cui non si riconosce e da cui è rifiutato, ritrovando però proprio un suo spazio nel presepio.

Un altro personaggio tradizionale immancabile è la Meraviglia, nell'esposizione riproposta da Paolo Gualandi e riattualizzata in chiave dinamica, con la figuretta che si inginocchia e apre le braccia, stupita e adorante.

Giovanni Buonfiglioli si impegna nella realizzazione di un'altra raffigurazione sempre presente: la Tradizione, con l’adulto che accompagna i bambini a vedere il presepio, perché possano imparare la sapienza umana e quella divina.

Ma sono molte altre le composizioni e le statuine di questi e altri maestri antichi che attendono il pubblico al Museo Davia Bargellini!

 

Quando

Dal 11 Dicembre 2021 al 16 Gennaio 2022
martedì mercoledì e giovedì dalle 10.00 alle 15.00
venerdì dalle 14.00 alle 18.00
sabato domenica e festivi dalle 10.00 alle 18.30

chiuso: lunedì non festivi, 1° maggio e Natale

Informazioni

Museo Davia Bargellini

tel. 051 236708
email



Gratuito

Dove

Museo | Museo Davia Bargellini

Strada Maggiore, 44
40125 Bologna