Musei Civici d'Arte Antica

Museo Civico Medievale
Via Manzoni, 4
40121 Bologna
tel. 051 2193930 - 2193916
fax 051 232312
email

Museo Civico d'Arte Industriale e Galleria Davia Bargellini
Strada Maggiore, 44
40125 Bologna
tel. 051 236708
email

Collezioni Comunali d'Arte
Piazza Maggiore, 6
40121 Bologna
tel. 051 2193998
email

Museo Storico Didattico della Tappezzeria "Vittorio Zironi"
Via di Casaglia, 3
40135 Bologna
tel. 051 2193930 - 2193916
fax 051 232312
email

  • Bonifacio VIII

News / Il Museo Civico Medievale partecipa al progetto "2200 anni lungo la via Emilia"

L'Istituzione Bologna Musei aderisce alle celebrazioni per la ricorrenza dei 2200 anni dalla fondazione romana di Modena, Parma e Reggio Emilia con la mostra “Medioevo svelato. Storie dell'Emilia-Romagna attraverso l'archeologia” da novembre 2017 al Lapidario del Museo Civico Medievale.

Nel 2017 la Via Emilia si percorre a passo di storia.
Modena, Parma e Reggio Emilia invitano a scoprire la loro origine comune e le rispettive storie sviluppatasi lungo la Via Aemilia attraverso il calendario condiviso di iniziative celebrative “2200 anni lungo la Via Emilia” che si susseguirà per tutto il corso dell'anno.

Il progetto intende non solo valorizzare le origini di Modena (Mutina) e Parma, colonie fondate nel 183 a.C., e Reggio Emilia (Regium Lepidi) istituita come forum negli stessi anni, ma contestualizzarle nell’ambito del ruolo svolto fino ai nostri giorni dall'arteria unificante fondata dal console Marco Emilio Lepido, cui si deve la visione lungimirante di un asse di collegamento fra i maggiori centri della regione.

Il ponte fra romanità e contemporaneità sarà rappresentato con linguaggi diversi che vanno dall’esposizione dei reperti agli incontri di approfondimento scientifico, dalla narrazione alla street art, dalla multimedialità al gioco, per coinvolgere pubblici eterogenei in un itinerario alla scoperta della storia e degli aspetti che hanno contribuito a definire l’identità attuale dell'Emilia-Romagna.

Il programma culturale prenderà avvio con mostre, ricostruzioni ed eventi che riflettono sulla storia antica delle tre città durante i secoli della repubblica e dell'impero romano, per approdare a Bologna dove, con un ulteriore passo nel tempo e nello spazio lungo la stessa strada, l'esposizione “Medioevo svelato. Storie dell'Emilia-Romagna attraverso l'archeologia” abbraccerà l'intero territorio regionale con testimonianze dal tardoantico al Medioevo.

La mostra, con la curatela di Sauro Gelichi (Professore Ordinario di Archeologia Medievale, Dipartimento Studi Umanistici, Università Ca’ Foscari Venezia) e Luigi Malnati (Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le Province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara), racconterà le trasformazioni delle città tardoantiche a partire dall’evoluzione degli insediamenti rurali sotto il potere dei nuovi ceti dirigenti (Goti, Bizantini e Longobardi) attraverso il tema della ritualità funeraria, per successivamente analizzare la riorganizzazione delle campagne e terminare con la rinascita ciclica dei centri urbani nella nuova fase di età comunale.

Per maggiori ifnormazioni: www.2200anniemilia.it